Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Bar e ristoranti a scuola di innovazione digitale

10/04/2018

web FIPE 01

Seminare conoscenze digitali per creare competenze ed aiutare i pubblici esercizi a cogliere le enormi opportunità di business offerte dal web. Questo l’obiettivo dell’evento “Il web è servito - la sfida digitale nei pubblici esercizi” organizzato da Ascom e Fipe Parma in collaborazione con FIPE, Federazione Italiana Pubblici Esercizi, Google ed axélero S.p.A., Internet Company quotata sul mercato AIM Italia (Ticker: AXEL).

Un incontro dal taglio pratico, in occasione del quale Tomaso Uliana, Strategic Partner Manager Googlee Alice Panciri,Digital Sales Trainer axélero, hanno trasferito  agli imprenditori le nozioni fondamentali per comprendere le potenzialità del web quale strumento di sviluppo del business, e avviare così una presenza online strutturata.

In rappresentanza del sistema  Ascom Confcommercio è intervenuta  Cristina Mazza, Vice Direttore Ascom Parma mentre per Fipe erano presenti il Presidente provinciale Ugo Bertolotti e il  Vice Direttore Generale Luciano Sbraga.

“Il web è entrato prepotentemente nel processo di acquisto dei consumatori, che proprio sui motori di ricerca si informano, si confrontano e infine scelgono: un comportamento sempre più vero soprattutto nel settore dei pubblici esercizi. – ha commentato Ugo Bertolotti, presidente Fipe Parma -  Ecco allora che se i clienti sono anche  online è evidente che l’opportunità di business è sul web e momenti di formazione come questo sono occasioni uniche rese possibili grazie alle partnership della nostra federazione. Non solo, la rete è fondamentale anche quando si parla di turismo in particolare per  una città d’arte come la nostra che fa proprio dell’enogastronomia una delle eccellenze sui cui puntare per attrarre flussi di visitatori.  Parma  - ha proseguito Bertolotti – sarà inoltre  capitale italiana della cultura nel 2020: le aspettative quindi sono alte e non possiamo farci trovare impreparati. La miglior accoglienza dovrà essere il nostro benvenuto ma una buona presenza sul web sarà il biglietto da visita con cui ci presenteremo per farci conoscere e trovare.”

Secondo uno studio effettuato dalla stessa axélero sul tema digitalizzazione delle piccole imprese, indagando nel dettaglio Regione per Regione, emerge come dato significativo che per l’Emilia Romagna la categoria d’impresa maggiormente sensibile risulta proprio quella della ristorazione, che con un 20% supera i settori industrie manifatturiere (con il 16%), edilizia (con il 10%), artigianato e servizi di consulenza (ognuno con l’8% ciascuno), per citare solo le principali.

 

“Il web ha rivoluzionato il modo di pensare e fare business anche per i pubblici esercizi, sempre più alla ricerca di strumenti e tattiche che permettano di confrontarsi online con la propria clientela.  – ha aggiunto Alice Panciri, Digital Sales Trainer axélero  - Oggi per un ristorante o un bar che desideri essere competitivo sul territorio non è più possibile ignorare il potenziale del digitale e noi di axélero desideriamo accompagnare gli imprenditori locali nel percorso di adozione delle strategie più efficaci per intercettare la domanda dei propri utenti”.

“Durante l’incontro  – ha concluso  Cristina Mazza vice direttore Ascom Parma – alle aziende presenti è stato  consegnato il “tagliando digitale” una sorta di “check up” che  permette di avere in tempo reale una fotografia del posizionamento online della propria attività:   dalla presenza sui social a quella sui motori di ricerca, dalla qualità del sito web all’ottimizzazione sui vari dispositivi. L’importante convenzione, riservata ai soci, tra  axélero  (partner di Google Italia) e  Fipe Nazionale costituisce quindi un’opportunità che anche Ascom Parma ha voluto cogliere nell’ambito delle iniziative digital che sta portando avanti , non solo per il settore pubblici esercizi.”