Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Stop all'alcol «da passeggio» in San Leonardo

11/08/2017

alcol divieto bar

Stop all’alcol «da passeggio» anche in San Leonardo. La delibera della giunta Pizzarotti è fresca, l’intento chiaro. Sono aumentate le zone in cui scatta il divieto di detenzione e consumo di alcolici, giorno e notte. Che siano lattine, bottiglie o bicchieri di plastica, non cambia. E per chi trasgredisce è prevista una multa da 450 euro oltre alla confisca del contenitore.

Svolta proibizionista?

Intendiamoci, è una svolta proibizionista «pragmatica»: parmigiani o i turisti che volessero godersi una bottiglia di lambrusco non resteranno a bocca asciutta, il consumo però resta rigorosamente confinato ai tavoli di bar e ristoranti. Così il Comune di Parma vuole affrontare un problema comune a tutto il resto d’Italia: il proliferare di locali pubblici e negozi che vendono alcolici a tutte le ore del giorno e della notte, degrado e risse scatenate da qualche bicchiere di troppo, la crescita dell’abuso di bevande pericolose.

La mappa: le new entry

Entriamo nel concreto e vediamola mappa dove bere è offlimits,«aggiornata» dall’ultimadelibera. Tra le new entry spiccanovia Trento, via Palermo, viaSan Leonardo (nel tratto compresotra via Trento e via De Ambris).E ancora i dintorni delWorkout Pasubio: tra via Palermo,via Catania e via Rastelli.

Per quanto riguarda i parchi «sorvegliati speciali», oltre all’ex Eridania e al Falcone e Borsellino, è stata inserita l’area verde tra via Verona e via Bologna.

Ma all’«asciutto» rimangono anche la Stazione, piazza Duomo e attorno al Battistero, piazzale della Pilotta, piazza della Pace e piazza Ghiaia. E, sempre nel salotto, spiccano borgo Santa

Brigida, borgo Sant’Antonio e borgo Serena.

Niente più bottiglie a cielo aperto nemmeno in piazzale Pablo e in Oltretorrente. Proprio in quest’ultimo quartiere il pugno duro dell’amministrazione si fa sentire già da tempo, visto che il divieto vige in tutta la zona che si spalma tra via D’Azeglio, via Bixio, piazzale Barbieri, viale dei Mille – compresa l’area del parcheggio interno con viale Vittoria – e piazzale Santa Croce.

Una delibera che s’innesta nel recente regolamento di polizia urbana, aumentando gli spicchi di Parma soggetti ad ordinanza, ma non solo.

«Il provvedimento nasce dal costante monitoraggio da parte della polizia municipale e delle forze dell’ordine – dice l’assessore alla Sicurezza Cristiano Casa –. Attraverso indagini ed interventi, gli agenti hanno individuato aree particolarmente delicate sotto il profilo dell’abuso di alcolici. A questo si aggiunge anche il parere del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, coordinato dalla Prefettura, con cui lavoriamo in costante sinergia. Queste misure vanno inserite in un pacchetto di azioni ad ampio raggio, coordinate dal Comitato, per il miglioramento della sicurezza nei quartieri. Il tutto grazie all’intensificazione dei controlli per la limitazione alla vendita e alla somministrazione di alcolici»

 

Fonte: Gazzetta di Parma del 11/08/2017