Sei in:Home page> News > Ugo Margini riconfermato presidente Confcommercio Emilia Romagna

Ugo Margini riconfermato presidente Confcommercio Emilia Romagna

15/12/2011homestampa

L’Assemblea di Confcommercio Emilia Romagna, nella sua riunione del 15 dicembre 2011, ha riconfermato Ugo Margini quale Presidente Regionale dell’Organizzazione


L’Assemblea di Confcommercio Emilia Romagna, nella sua riunione del 15 dicembre 2011, ha riconfermato per acclamazione Ugo Margini quale Presidente Regionale dell’Organizzazione che raggruppa le 11 Associazioni Confcommercio territoriali e le federazioni di categoria di settore, in rappresentanza di oltre 80.000 imprese del Commercio, Turismo e Servizi.

Ugo Margini, Presidente Provinciale Ascom Parma, è membro del Consiglio e della Giunta Direttiva Nazionale di Confcommercio Imprese per l’Italia, di cui ricopre la carica di Vice Presidente nazionale con delega alle Unioni Regionali, ed è inoltre Presidente di Federcartolai nazionale.

 

“Una riconferma importante – ha commentato Margini – che mi gratifica per la rinnovata fiducia dimostrata dai colleghi Dirigenti che compongono la Confcommercio regionale, Organismo oggi più che mai fondamentale interlocutore per le Istituzioni regionali in merito a tutte le problematiche che riguardano il terziario - commercio, turismo e servizi.

Tra le questioni più urgenti da affrontare, che vedono coinvolta anche la città di Parma, i recenti provvedimenti sul blocco del traffico. Da mesi infatti stiamo chiedendo alla Regione Emilia-Romagna sostegno alle nostre imprese commerciali e turistiche. Viceversa gli ultimi provvedimenti, innanzitutto quello di lunedì scorso sul blocco del traffico proprio nella settimana di Natale, ostacolano (per la loro assenza di concertazione con le nostre categorie e per il mancato coordinamento con gli Enti locali) il lavoro delle nostre imprese nei centri storici. Imprese già colpite dalla crisi. Nella stessa direzione purtroppo corre anche la normativa sulle liberalizzazioni inserita nel “Decreto Salva Italia” presentato dal Governo Monti. L’applicazione di un simile  provvedimento, studiato per un’ipotetica spinta alla ripresa dei consumi, difficilmente potrebbe raggiungere il proprio scopo in un contesto in cui i consumi si sono già progressivamente indeboliti, sia a livello provinciale che nazionale, a causa del calo del reddito, del minor potere d’acquisto dei consumi e del crescente peso della pressione fiscale e non certo perche sia difficile trovare negozi aperti. La flessibilità degli orari dei negozi infatti risulta già oggi ampiamente sufficiente poiché garantisce, anche la domenica e nei festivi, un’ampia possibilità di scelta tra le offerte. Al contrario la totale liberalizzazione degli orari di fatto comporterebbe l’eliminazione della concorrenza tra format distributivi diversi a totale discapito delle piccole e piccolissime imprese, ancor di più in un contesto di crisi come quello attuale in cui sarebbe invece necessario sostenere tutti a partire proprio dagli operatori che più stanno soffrendo”.

 

Nella stessa seduta sono stati riconfermati Paolo Caroli in qualità di Vice Presidente, Celso De Scrilli in qualità di Vice Presidente Amministratore, e Terenzio Medri, già Presidente della Consulta Regionale Turismo, in qualità di Vice Presidente con delega al Turismo.


condividi via email condividi via email

15/12/2011homestampa

Fotogallery

Margini03b

© 2009 SEACOM S.r.l. - Tutti i diritti sono riservati - SEACOM S.r.l. societá unipersonale - Societá soggetta alla direzione e coordinamento di Ascom Confcommercio Parma
Sede legale: Via Abbeveratoia 63/a - 43126 Parma (Pr) -Iscr. Reg. Imprese, P.IVA e C.F. 00968280347 - Capitale sociale 1.300.000 i.v. - REA PR n. 157428

privacy policy | credits