Sei in:Home page> Sala Stampa > Speciale credito - Guida per capire il credito e il rapporto tra Banche e Imprese

Speciale credito - Guida per capire il credito e il rapporto tra Banche e Imprese

25/09/2012homestampa


Dai consigli utili su come proteggere l’impresa dall’aumento dei tassi e migliorare l’accesso al credito alle azioni da poter attuare all’interno dell’azienda, fino ad arrivare agli strumenti a disposizione dell’imprenditore. Per aiutare i soci ad orientarsi nel mondo del credito nasce da Ascom Parma il nuovo agevole manuale “Speciale credito - Guida per capire il credito e il rapporto tra Banche e Imprese”.

Senza voler essere uno strumento “fai da te”, la brochure è un utile guida all’interno della quale non solo è possibile trovare spiegata la nuova terminologia della finanza, ma anche leggere alcuni suggerimenti su come portare avanti le trattative con le banche che da un rapporto personale e collaborativo sono passate ad un rapporto esclusivamente basato su dati, numeri e valutazioni oggettive.

 

La brochure di Ascom diventa quindi la risposta concreta al fabbisogno sempre crescente delle imprese di avere informazioni chiare e oggettive sul mondo finanziario,  come emerge anche dai dati elaborati dall’Osservatorio sul credito per le imprese del commercio, del turismo e dei servizi realizzato da Confcommercio-Imprese per l’Italia in collaborazione con Format Ricerche. Stando all’indagine, nel secondo trimestre del 2012 è emerso che la capacità delle imprese del terziario di far fronte al proprio fabbisogno finanziario è peggiorata: complessivamente, quasi il 65% delle imprese italiane del terziario ha avuto difficoltà a fronteggiare autonomamente le proprie esigenze o, addirittura, non ci è riuscita affatto; molto bassa la quota di imprese – una su cinque - che si è rivolta alle banche per chiedere un finanziamento: di queste, il 38,5% ha ottenuto il credito con ammontare pari o superiore alla richiesta, ma una quota non molto dissimile - circa il 36% - non si è vista soddisfare le proprie richieste; la maggioranza delle imprese quasi il 60% si è poi rivolta alle banche per esigenze di liquidità o di cassa.

E secondo gli esperti bisognerà attendere i prossimi mesi per verificare l’inizio di una reale ed effettiva inversione di tendenza.

 

« In un contesto ancora di grande rallentamento e difficoltà dell’attività economica le piccole e medie imprese sono infatti le prime ad avere maggiori difficoltà nell’accesso al credito - spiega Massimiliano Spaggiari, responsabile STS Cat di Ascom - Per questo Ascom Parma ha pensato ad una guida “Speciale Credito”, per dare la possibilità a tutti gli imprenditori di avere una visione chiara e complessiva della corretta relazione tra banca e impresa.

Per informazioni Ufficio Credito Ascom tel. 0521 298874, musini@ascom.pr.it.


condividi via email condividi via email

25/09/2012homestampa

Documenti scaricabili

Fotogallery

speciale credito

© 2009 SEACOM S.r.l. - Tutti i diritti sono riservati - SEACOM S.r.l. societá unipersonale - Societá soggetta alla direzione e coordinamento di Ascom Confcommercio Parma
Sede legale: Via Abbeveratoia 63/a - 43126 Parma (Pr) -Iscr. Reg. Imprese, P.IVA e C.F. 00968280347 - Capitale sociale 1.300.000 i.v. - REA PR n. 157428

privacy policy | credits