Sei in:Home page> News > Il welfare contrattuale per i lavoratori del commercio e del turismo

Il welfare contrattuale per i lavoratori del commercio e del turismo

10/11/2011homestampa

Se ne è parlato in un incontro bilaterale promosso dalle associazioni di categoria insieme ai sindacati


Nei settori del commercio e del turismo si è sviluppato negli anni un consistente sistema di welfare contrattuale che tramite fondi appositamente istituiti offre importanti prestazioni ad un numero sempre maggiore di lavoratori. Con il termine welfare contrattuale si definisce la volontà delle parti sociali di concordare all'interno dei contratti  collettivi  nazionali alcuni  principi di socialità a favore dei lavoratori e lavoratrici del  terziario e del turismo, quali ad esempi l’assistenza sanitaria integrativa e la previdenza complementare, attraverso l'istituzione di specifici fondi o enti. Con l’obiettivo di affrontare queste importanti tematiche, gli Enti Bilaterali del terziario e del turismo Ebc (Ente Bilaterale del Commercio di Parma promosso da Ascom Confcommercio e Organizzazioni Sindacali) Cst Eburt (Ente Bilaterale Unitario regionale del Turismo Emilia Romagna promosso da Ascom Confcommercio e Organizzazioni Sindacali) e Cst Ebter (Centro Servizi Territoriale Ente Bilaterale Turismo Terziario di Parma promosso da Confesercenti e Organizzazioni Sindacali) hanno organizzato giovedì 3 novembre un incontro presso la sala congressi dell’Hotel de la Ville di Parma, dal titolo “Il welfare contrattuale. Evoluzione e prospettive nei settori commercio e turismo”. Obiettivo del seminario promuovere una maggior conoscenza della previdenza complementare e dell’assistenza sanitaria integrativa. Numerosi relatori si sono alternati sul palco per condividere con aziende, lavoratori e istituzioni del terziario il percorso seguito dal nuovo modello di welfare contrattuale. In particolare, oltre a Graziano Mazzoli e Angela Calò, rispettivamente Presidente e Vice-Presidente Ebc Parma, Giovanni Gazzo, Presidente Uiltucs Lombardia, Bruno Perin, Responsabile Nazionale Previdenza e Assistenza Filcams Cgil, ed Elvira Massimiano, Responsabile Politiche del lavoro della Confesercenti Nazionale.  Gli ospiti hanno offerto momenti di utile approfondimento sulle origini del welfare contrattuale, mentre Pierangelo Ranieri, Segretario Generale Nazionale Fisascat Cisl e Presidente Ebinter, e Mario Sassi, Direttore Nazionale per le Politiche del Lavoro e del Welfare Confcommercio,  hanno spiegato le opportunità e i vantaggi derivanti dall’assistenza sanitaria integrativa e della previdenza complementare. Le conclusioni circa le prospettive di sviluppo del welfare contrattuale sono state affidate invece a Ilaria Zappacosta, coordinatore CST Ebter Parma. Il valore degli Enti Bilaterali vuole essere quello di punto di incontro tra le Associazioni di Categoria e i sindacati, finalizzato a favorire lo sviluppo dei comparti del commercio del turismo e dei servizi, facilitando la risoluzione di eventuali controversie, promuovendo e finanziando la formazione, anche relativamente all’area welfare. Gli Enti Bilaterali, in questo senso, assolvono ad un importante ruolo di informazione ed è per questo che oltre al convegno tenutosi, sono in programma alcuni seminari di approfondimento, con l’obiettivo primario di diffondere al mondo imprenditoriale la conoscenza del welfare, le possibilità che offre e le prospettive future. Di questo avviso il Presidente Mazzoli, per il quale “occorre ampliare il numero di imprese aderenti, proprio attraverso incontri come quello di oggi”. I prossimi appuntamenti sono previsti per il 17 novembre, presso la Camera di Commercio di Parma, con esperti nazionali in tema di assistenza sanitaria integrativa, più specificatamente dei Fondo Est e  Aster, e il 30 novembre, sul tema della previdenza complementare, in particolare del Fondo Fon.te.


condividi via email condividi via email

10/11/2011homestampa

Fotogallery

IMG_8230
IMG_8252
IMG_8328

© 2009 SEACOM S.r.l. - Tutti i diritti sono riservati - SEACOM S.r.l. societá unipersonale - Societá soggetta alla direzione e coordinamento di Ascom Confcommercio Parma
Sede legale: Via Abbeveratoia 63/a - 43126 Parma (Pr) -Iscr. Reg. Imprese, P.IVA e C.F. 00968280347 - Capitale sociale 1.300.000 i.v. - REA PR n. 157428

privacy policy | credits