Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Ti trovi in: Home > COMUNICATI STAMPA > Comunicazione inizio saldi invernali e vendite promozionali

Comunicazione inizio saldi invernali e vendite promozionali

30/12/2020

Comunicazione inizio saldi invernali e vendite promozionali

L’emergenza COVID-19 sta mettendo a durissima prova la tenuta del sistema del commercio di vicinato ed in particolare dell’intera filiera della moda: necessario trovare quindi il modo per cercare di ampliare il più possibile il periodo in cui sarà possibile garantire le migliori occasioni di acquisto. 

In questo senso, dopo l’uscita del provvedimento della Regione Emilia Romagna che posticipa, in via eccezionale, l’inizio dei prossimi saldi invernali a sabato 30 gennaio 2021, è arrivata la conferma ufficiale, contenuta nel documento “Disposizioni collegate alla legge regionale di stabilità per il 2021”, che è sospeso, sempre in via straordinaria, il divieto di vendite promozionali per il periodo antecedente i saldi invernali.

“Prendiamo atto del posticipo, contestuale alla sospensione del divieto di vendite promozionali nei 30 giorni antecedenti – commenta Filippo Guarnieri, Presidente FederModa Parma – che, compatibilmente con le possibilità di apertura e di spostamenti che verranno consentiti,  crediamo possa dare una boccata d’ossigeno ad un settore, quello della moda, devastato dall’emergenza COVID. Rimangono in ogni caso di fondamentale importanza i ristori alle imprese che stanno pagando pesantemente l’impatto negativo della pandemia.” 

Ricordiamo che restano invariati gli adempimenti a carico del commerciante come l’esposizione della merce con l’indicazione del prezzo pieno, la percentuale di sconto applicato ed il prezzo finale di acquisto. Eventuali cartelli pubblicitari inerenti ai saldi esposti in vetrina potrebbero essere soggetti al pagamento dell’imposta di pubblicità.

Il Presidente Federmoda Parma

Filippo Guarnieri