analytics

Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Ti trovi in: Home > COMUNICATI STAMPA > Contributo a fondo perduto perequativo: istanze da trasmettere entro il 28 dicembre

Contributo a fondo perduto perequativo: istanze da trasmettere entro il 28 dicembre

03/12/2021

contributi fondo perequativo

È stato finalmente pubblicato il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate che definisce il contenuto informativo, modalità e termini di presentazione della domanda per il riconoscimento del contributo a fondo perduto “perequativo”.

Per la richiesta del contributo, i soggetti sono tenuti ad inviare l’istanza, esclusivamente mediante i canali telematici dell’Agenzia a partire dal 29 novembre e fino al 28 dicembre 2021 o tramite il servizio web disponibile nell’area riservata del portale “Fatture e Corrispettivi” del sito internet delle Entrate a partire dal 30 novembre e fino al 28 dicembre 2021.

Anche per il contributo “perequativo” il soggetto richiedente può scegliere, irrevocabilmente, se ottenere l’importo totale come accredito sul conto corrente bancario o postale a lui intestato oppure se optare per il credito d’imposta da utilizzare in compensazione tramite modello F24.

Il contributo perequativo spetta a tutti i soggetti:

  • con attività d’impresa/professionale (o che producono reddito agrario), con partita IVA attiva al 26/05/2021, residenti/stabiliti in Italia;
  • i cui ricavi/compensi 2019 non siano superiori a 10 milioni di euro;
  • a condizione che vi sia un peggioramento almeno pari al 30%. del risultato economico d’esercizio relativo al periodo d’imposta in corso al 31/12/2020 rispetto a quello del periodo in corso al 31/12/2019;
  • ai fini del riconoscimento del contributo, i soggetti interessati devono aver presentato entro il 30/09/2021 la dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2020 (Mod. Redditi 2021);
  • il contributo non spetta nel caso in cui la dichiarazione sia stata presentata successivamente al 30/09/2021, o laddove non risulti validamente presentata la dichiarazione del periodo in corso al 31/12/2019 (Mod. Redditi 2020).

Ai fini della determinazione del contributo, che può essere erogato fino ad un limite massimo di euro 150.000, il decreto prevede come base di calcolo il  “peggioramento economico” (cioè la differenza tra il risultato economico d’esercizio relativo al periodo d’imposta in corso al 31/12/2020 e quello relativo al periodo d’imposta in corso al 31/12/2019) diminuito dell’importo dei contributi a fondo perduto eventualmente già riconosciuti dall’Agenzia Entrate secondo le specifiche disposizioni citate (art. 25 del DL 34/2020; art. 59 e 60 del DL 104/2020, artt. 1, 1-bis e 1-ter del DL 137/2020; art. 2 del DL 172/2020; art. 1 del DL 41/2021; art. 1 commi 1-3 del DL 73/2021).

A tale ammontare si applicano quindi le seguenti percentuali con riferimento ai ricavi/compensi 2019:

RICAVI/COMPENSI 2019

  • Non superiori a €. 100.000 30%
  • Superiori a €. 100.000 e fino a €. 400.000 20%
  • Superiori a €. 400.000 e fino a €. 1.000.000 15%
  • Superiori a €. 1.000.000 e fino a €. 5.000.000 10%
  • Superiori a €. 5.000.000 5%

Non spetterà alcun contributo ove l’ammontare dei contributi già riconosciuti sia maggiore/uguale al peggioramento economico.

 

Per la presentazione delle domande si consiglia di fare riferimento al proprio consulente fiscale.

Per gli utenti del servizio contabilità di SEACOM Srl, le richieste sono in fase di completamento. Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi al front office di riferimento.