Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Coronavirus: Direttiva del Direttore Ruffini. Stop ad accertamenti fiscali e verifiche

13/03/2020

agenzia entrate

EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA DA COVID – 19
Direttiva dell’Agenzia delle Entrate su sospensione accertamenti fiscali e verifiche

Sospese le attività di liquidazione, controllo, accertamento, accessi, ispezioni e verifiche, riscossione e contenzioso tributario da parte degli uffici dell'Agenzia delle Entrate a meno che non siano in imminente scadenza (o sospesi in base a espresse previsioni normative).

L’agenzia delle Entrate ha emanato ieri 12 marzo, una direttiva in cui si dichiara la sospensione da parte degli uffici dell'Agenzia delle Entrate:
- delle attività di liquidazione,
- delle attività di controllo,
- delle attività di accertamento,
- degli accessi,
- delle ispezioni,
- delle verifiche,
- della riscossione
- e del contenzioso tributario.


La sospensione non riguarda le attività ad imminente scadenza (o sospesi in base a espresse previsioni normative). Della stessa linea è la Circolare dell'11 marzo della Guardia di Finanza, in allegato alla presente nota, in base alla quale su tutto il territorio nazionale, fino a cessate esigenze, saranno osservate le seguenti disposizioni operative:

1. l'azione di controllo del territorio, anche marittimo e lacuale, avverrà con l'impiego di pattuglie in uniforme e di unità aeronavali con finalità di sostegno della cittadinanza e delle più generali esigenze di ordine e sicurezza pubblica, sotto il coordinamento dell'Autorità di P.S., assicurando ogni necessario supporto all'attuazione delle misure di contenimento dell'emergenza epidemiologica;
2. è sospesa l'esecuzione:
o delle verifiche, dei controlli fiscali e in materia di lavoro;
o dei controlli strumentali;
o delle attività ispettive antiriciclaggio;
3. le altre attività di polizia economico-finanziaria saranno prioritariamente orientate al contrasto delle condotte più marcatamente illegali e fraudolente nonché dei fenomeni illeciti che abbiano correlazione con l'emergenza sanitaria in atto.
4. proseguiranno le attività d'istituto svolte nell'ambito degli spazi doganali, nonché quelle connesse all'attuazione del "Dispositivo permanente di contrasto ai traffici illeciti" e del "Dispositivo operativo per il contrasto alla contraffazione e all'abusivismo commerciale organizzato" prioritariamente impiegati per assicurare l'esecuzione e il monitoraggio delle misure di cui al D.P.C.M. 8 marzo 2020.