analytics

Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Ti trovi in: Home > NOTIZIE > MASCHERINE, FIRMATA L’ORDINANZA: FINO AL 15 GIUGNO RESTANO ALCUNI OBBLIGHI

MASCHERINE, FIRMATA L’ORDINANZA: FINO AL 15 GIUGNO RESTANO ALCUNI OBBLIGHI

29/04/2022

covid mascherine aperto

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato l’ordinanza che dal 1° maggio regolerà le nuove norme anti Covid. Si riportano di seguito le principali novità introdotte ed in vigore dal 1° di maggio fino al 15 di giugno.

Le mascherine resteranno obbligatorie al chiuso fino al 15 giugno:

  • nel trasporto pubblico locale e a lunga percorrenza,
  • per gli spettacoli aperti al pubblico nei cinema, nei teatri, nei locali di intrattenimento e musica dal vivo e per tutti gli eventi e competizioni sportive che si svolgono al chiuso,
  • sarà così anche per lavoratori, utenti e visitatori delle strutture sanitarie, socio sanitarie e socio assistenziali, incluse le rsa.

Non hanno l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione delle vie respiratorie:

  • i bambini di età inferiore ai sei anni;
  • le persone con patologie o disabilità incompatibili con l'uso della mascherina, nonché le persone che devono comunicare con una persona con disabilità in modo da non poter fare uso del dispositivo
  • soggetti che stanno svolgendo attività sportiva

E’ comunque raccomandato di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie in tutti i luoghi al chiuso pubblici o aperti al pubblico. Si tratta, chiarisce il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, "dei luoghi di lavoro e ovunque ci sia il rischio di assembramenti, come ad esempio ristoranti, centri commerciali, negozi. In questi luoghi la mascherina è raccomandata".

A tal fine è stato predisposto un cartello che è possibile esporre all’ingresso dei Vostri locali come raccomandazione nei confronti della clientela (scaricalo a fondo pagina).

Per meglio chiarire le novità che entreranno in vigore dal 1° di maggio si riportano di seguito alcune domande e risposte:

Il green pass dal 1° maggio non sarà più richiesto sia per il lavoro che per il tempo libero?

È così. Il certificato verde non cessa di esistere. Ma non sarà di fatto più richiesto in Italia. Dal primo maggio scatta l’accesso libero per accedere a tutti quei luoghi dove fino al 30 aprile il certificato verde è obbligatorio nella sua versione “base” o “rafforzata”: bar e ristoranti al chiuso, aerei, treni, traghetti e pullman intra-regionali, palestre e piscine al chiuso, feste e cerimonie, convegni e congressi, discoteche e sale da gioco, cinema, teatri, concerti.

Ci sono eccezioni all’abolizione del green pass?

L’unica eccezione sono le visite in ospedale e Rsa, dove sarà necessario esibire il super green pass (vaccinazione o guarigione) fino al 31 dicembre.

Per viaggiare all’estero servirà ancora il green pass?

Sì. Le regole cambiano a seconda dei Paesi di destinazione ma il green pass nella sua forma “base” (vaccinazione, guarigione o tampone negativo) continuerà a essere necessario per l’ingresso nei Paesi dell’Ue.

Sui mezzi di trasporto servirà ancora la mascherina? E quale?

Il governo ha deciso di prorogare fino al 15 giugno l'obbligo di indossare la mascherina Ffp2 su tutti i mezzi di trasporto locali e a lunga percorrenza - dai bus alle metropolitane, dai treni regionali a quelli ad alta velocità fino ai traghetti e agli aerei.

Quali saranno le regole sui luoghi di lavoro?

Nei luoghi di lavoro, pubblici e privati - tranne ospedali e Rsa - non è stato prorogato l’obbligo di utilizzo delle mascherine, dispositivi che sono solo raccomandati. Tuttavia i datori di lavoro, se ritenuto opportuno, potranno decidere di mantenere i protocolli vigenti che prevedono l’obbligatorietà di questi dispositivi di protezione. Nei prossimi giorni potrebbero uscire nuovi protocolli specifici frutto di accordi sindacali.

Se vado a fare shopping nei negozi o al supermercato devo portare con me la mascherina?

Non più. In negozi, centri commerciali, supermercati, bar e ristoranti al chiuso la mascherina dal 1 maggio non sarà più obbligatoria. Così come in uffici pubblici, banche, poste, musei, discoteche, nonché dal barbiere, dal parrucchiere, dall'estetista. Ma trattandosi di luoghi al chiuso «pubblici» o «aperti al pubblico» l’utilizzo è raccomandato.

Si potrà fare a meno della mascherina in cinema e teatri?

No. Le mascherine Ffp2 andranno indossate fino a fine maggio nei cinema, nei teatri e per tutti gli spettacoli al chiuso come i concerti, nonché nei palazzetti dello sport. Così come in ospedali e Rsa.

Restano luoghi all’aperto dove la mascherina è obbligatoria?

No, oltre che allo stadio, l’obbligo di mascherina all’aperto è stato eliminato anche per gli spettacoli e i concerti. All’aperto (a differenza che al chiuso) non c’è neppure la raccomandazione ad indossare la mascherina.

 

Consulta l'ordinanza del Ministero della Salute del primo aprile pubblicata in Gazzetta Ufficiale.