Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Ti trovi in: Home > COMUNICATI STAMPA > MERCATI: CHIEDIAMO REGOLE UGUALI PER TUTTI

MERCATI: CHIEDIAMO REGOLE UGUALI PER TUTTI

12/10/2020

FIVA e CONSORZIO QUALITA' MERCATI

Facciamo seguito alla manifestazione “Mercato del Forte”, svoltasi domenica 4 ottobre us in piazza Ghiaia, per esprimere le nostre considerazioni riguardo ad un tema che ci sta molto a cuore, la possibilità di lavorare nel rispetto, però, delle regole anti Covid e a tutela della salute pubblica. Noi ambulanti oggi più che mai siamo in forte sofferenza economica, sia per le tante cancellazioni che i Comuni del nostro territorio, e non solo, stanno effettuando a riguardo di Fiere, Manifestazioni Straordinarie, Sagre sia per i regolamenti ulteriormente restrittivi, anche rispetto a quelli regionali, che alcuni Comuni, come ad es Parma, hanno adottato e che rendono praticamente impossibile, nei fatti poter realizzare i mercati. Siamo stanchi di vedere situazioni non corrispondenti alla norma, in cui le regole non sono rispettate (come il distanziamento tra i banchi e tra le persone o la regolamentazione dei flussi in ingresso e in uscita) e ove manca il controllo degli organi preposti.

Le regole devono essere uguali per tutti e il controllo deve essere effettuato dagli Enti pubblici. Il Consorzio di Qualità dei Mercati, di cui sono Presidente, vuole riprendere a lavorare, nel rispetto delle regole e in collaborazione con i Comuni, i quali però devono assumersi la responsabilità dei propri adempimenti volti soprattutto ad evitare quei pericolosi assembramenti che invece abbiamo visto anche nel mercato del Forte sopra citato. Come Consorzio Qualità dei Mercati, che da sempre opera con serietà e professionalità, vogliamo confrontarci con i singoli Comuni per avviare quella collaborazione che porti ciascuno nel proprio ambito, pubblico e privato, ad applicare le regole per una necessaria convivenza e non a delegare in toto, come purtroppo spesso accade, agli imprenditori ogni responsabilità.

Luigi Boldrini