Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Ti trovi in: Home > COMUNICATI STAMPA > Perché rischiamo di andare in zona arancione?

Perché rischiamo di andare in zona arancione?

19/02/2021

Claudio Franchini news

Sin dall’inizio della pandemia, il criterio legato alla definizione di restrizioni, sia di spostamenti che per le attività economiche, è stato sempre ancorato principalmente alla pressione ospedaliera legata ai reparti covid e di terapia intensiva. Per questa motivazione, fra la prima e la seconda ondata, si sono fatti investimenti importanti, e in particolare nella Regione Emilia-Romagna, per aumentare la capacità ricettiva e di servizio per i malati di covid.

Nei successivi DPCM sono stati individuati, come parametri fondamentali di soglia d’allarme, il 30% di occupazione per le terapie intensive e il 40% di occupazione per i posti covid ospedalieri.

Partendo da questi presupposti, si è anche definito che le scelte legate alle restrizioni tra i diversi livelli di colore dipendevano dall’impatto che l’apertura o la chiusura di certe attività economiche avevano sugli andamenti epidemiologici e dei ricoveri.

E’ cosa risaputa l’estrema complessità di analisi dei 21 parametri che vanno a determinare le scelte di inserire le varie Regioni in una zona di un colore piuttosto che di un altro.

E’ anche noto che la sostanziale differenza fra la zona gialla e la zona arancione è data dall’impossibilità di muoversi fra Comuni e dalla chiusura imposta ai pubblici esercizi.

Ebbene… in data lunedì 1 febbraio 2021, per l’Emilia-Romagna primo giorno di passaggio in zona gialla dopo un periodo in zona arancione, i dati ufficiali davano

- 207   posti in terapia intensiva su 757 (pari al 27%)*

- 2181 posti occupati in reparti covid su 6126 (pari al 36%)*

A quasi tre settimane di zona gialla e di apertura dei pubblici esercizi, i dati al 18 febbraio 2021 sono i seguenti:

- 181 posti in terapia intensiva su 757 (pari al 24%)*

- 1890 posti occupati in reparti covid su 6126 (pari al 31%)*

*Dati fonte AGENAS

Allo stesso modo analizzando i dati dello stesso periodo nel nostro territorio si conferma il trend, per il quale già quasi un mese fa chiedevamo la zona gialla per Parma e provincia, evidenziato dai seguenti dati:

 

1° febbraio 2021

18 febbraio 2021

Terapia Intensiva

14

7

Ricoveri Covid

150

145

Fonte: Bollettino Regione Emilia Romagna e aggiornamento video bollettino quotidiano Ospedale Barbieri

Un trend in discesa, lenta ma costante, confermato anche dalle recenti interviste rilasciate dalla dott.ssa Meschi sui media locali e con l’assenza di focolai rilevati tra le attività commerciali e di pubblico esercizio.

Dunque dopo quasi tre settimane di riapertura dei pubblici esercizi e in presenza del calo di ricoveri Covid anche in terapia intensiva ci chiediamo

perché non dovremmo rimanere zona gialla ?

 

Claudio Franchini

Direttore Ascom Parma