analytics

Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Ti trovi in: Home > NOTIZIE > Poche discoteche e sale da ballo a Parma: le osservazioni del SILB di Parma

Poche discoteche e sale da ballo a Parma: le osservazioni del SILB di Parma

18/01/2023

Covid-19 lascia senza ossigeno il settore intrattenimento e spettacolo

Facciamo seguito all’articolo pubblicato nei giorni scorsi sulla Gazzetta di Parma in merito alla scarsità di discoteche e sale da ballo, per esprimere alcune osservazioni a riguardo.

Come SILB (Sindacato Italiano Locali da Ballo aderente ad Ascom) riscontriamo positivamente il forte desiderio dei nostri giovani di ricercare locali sicuri di intrattenimento in cui poter vivere sani momenti di aggregazione e svago; un’esigenza peraltro in linea con quello che da sempre è l’obiettivo del nostro sindacato: promuovere l’importanza della valorizzazione dei nostri locali da ballo come fonte di socializzazione e divertimento sicuro per i più giovani.

Come citato dall’articolo, le realtà storiche che con professionalità rispondono a questa necessità sono oggi in numero ben inferiore rispetto al passato e da questa consapevolezza nasce spontaneo chiedersi perché a fronte di una domanda che ne manifesta il bisogno non siano stati aperti nuovi locali negli ultimi anni ?

I motivi sono molteplici: da un lato il rispetto delle norme imposte dal settore (autorizzazioni, licenze, norme di sicurezza e controlli) che determina costi di gestione e mantenimento estremamente elevati e dall’altro la concorrenza sleale dovuta ai circoli privati che, privi dei vincoli burocratici e di sicurezza richiesti invece ai nostri locali, si sono diffusi esponenzialmente sul territorio.

A questo si aggiunge la difficoltà burocratica ed economica che comporta aprire oggi un nuovo locale da ballo: i forti investimenti richiesti, soprattutto in un periodo storico come questo, sono spesso insostenibili ancor più se consideriamo la mancanza di contributi a favore delle nuove aperture nel settore. 

Quello che chiediamo quindi è un aiuto concreto al settore: lotta all’abusivismo e una politica di contribuzione forte che possa aiutare gli imprenditori che vogliono aprire una nuova attività a farlo in regola e con professionalità per offrire ai giovani un momento di svago reale e un divertimento sicuro.

 

Il Presidente SILB Parma

Ernesto Mendola